Baccalà fritto

Una volta, quando i contadini andavano al mercato settimanale di Portoferraio, che già si teneva di venerdì, andavano per vendere i prodotti della campagna o a procacciare affari. Secondo i precetti della chiesa, il venerdì non si dovrebbe mangiare carne; per questo motivo, quando alla fine della mattinata i contadini rientravano a casa, tra gli acquisti effettuati non mancava quasi mai il baccalà già bagnato pronto all'uso.

Tradizionalmente veniva cucinato in vari modi: in umido, sulla gratella o bollito con ceci.

Ecco un'altra delle ricette delle nostre massaie isolane: il baccalà fritto.

Ingredienti

650 g di baccalà dissalato, 30 g di farina 00, 500 ml di olio di semi

Preparazione

Per preparare il baccalà fritto prendere il filetto di baccalà già dissalato (se si acquista baccalà sotto sale serviranno almeno 3 giorni di ammollo) e procedere a pulirlo: levare la pelle sollevandola a partire dalla coda e tirarla via delicatamente. In seguito fare attenzione ad estrarre tutte le lische. Per tirare via anche le lische più piccole e insidiose è possibile utilizzare una pinzetta da cucina!

Tagliare il baccalà a fette spesse circa 3-4 cm e passarlo nella farina.

Passare i pezzi nella farina da entrambi i lati e friggere in olio bollente a una temperatura compresa tra i 180° e i 190°. Friggere pochi pezzi per volta; in base allo spessore, ci vorranno dai 4 ai 6 minuti.

Quando risulteranno ben dorati, scolateli su un foglio di carta assorbente in modo da eliminare l'olio in eccesso.

Servire il baccalà fritto ancora fumante!

Foto Giallo Zafferano
Richiedi un preventivo gratuito