Le frangette (o frappe) di Carnevale

Le frangette sono croccanti e delicate sfoglie tipiche del periodo di Carnevale e sono chiamate con nomi diversi a seconda delle regioni di provenienza: chiacchiere e lattughe in Lombardia, cenci e donzelle in Toscana, frappe e sfrappole in Emilia, cròstoli in Trentino, galani e gale in Veneto, bugie in Piemonte, così come rosoni, lasagne, pampuglie, etc. All’Isola d’Elba vengono chiamate appunto frangette.

Ingredienti

gr. 500 di farina bianca, 4 uova, 4 cucchiai di zucchero, 1 bicchierino di moscato (le vecchie ricette locali indicavano 4 mezzi gusci d'uovo, cioè mezzo guscio di moscato ogni uovo, ma noi suggerivano di non usare il guscio d'uovo come contenitore e preferirie l'utilizzo di un bicchierino).

Preparazione

Versare la farina a fontana su una spianatoia e formare un incavo dove mettere le uova, lo zucchero e il moscato.

Per ottenere un impasto elastico lavorare la pasta lentamente e a lungo: questo è il vero segreto per avere delle frangette a regola d’arte!

Stendere una sfoglia sottile usando il mattarello o la macchinetta per stendere la pasta e tagliarla a strisce con il tagliapasta o la rotellina dei ravioli. Formare un nodo non troppo stretto.

Preparare una padella con olio abbondante. Quando l’olio è ben caldo tuffare delicatamente le frangette nella padella e farle cuocere rigirandole di tanto in tanto e senza farle rompere.

Quando le frangette diventeranno ben dorate, farle scolare su un vassoio ricoperto di carta gialla o assorbente e spolverarle di zucchero semolato.

Foto a cura di Elba Taste
Richiedi un preventivo gratuito