Il Pane Ferettato o pane con gli uccelli tipico di San Piero

Pane con gli uccelli

Il Pane Ferettato o Pane con gli uccelli di San Piero vanta un’antica tradizione. È un pane azzimo che viene preparato tradizionalmente durante il periodo pasquale e solo ed esclusivamente nel paese di San Piero.

Di probabile origine araba, l’impasto, al quale si aggiunge l’anice, dà origine ad un pane di pasta dura che una volta cotto si conserva naturalmente molto a lungo.

La particolarità di questo Pane di Pasqua è che viene modellato in una composizione artistica unica: nidi e uccellini di contorno all’uovo sodo, che simboleggiano l’inizio della stagione della fertilità: “omne vivum ex ovo”.

L'arte della preparazione del pane e in particolar modo le modalità con cui devono essere eseguite le decorazioni, sono state tramandate di generazione in generazione: secondo le testimonianze orali, già 100 anni fa le massaie erano solite prepararlo in ambito domestico.

Ad oggi sono rimaste solo pochissime signore che portano avanti questa tradizione e la preparazione avviene solo presso l’unico panificio di San Piero.

È tradizione benedire il pane con gli uccellini durante la celebrazione della Santa messa Pasquale.

Ingredienti e preparazione

Gli ingredienti sono farina tipo 00, acqua, sale, lievito di birra ed anice che vengono impastati fino a quando l'impasto assume compattezza ed aspetto omogeneo.

A questo punto si procede lavorando una parte dell'impasto per la preparazione della base del prodotto, ossia un disco di pasta che rappresenta il supporto sul quale vengono disposte le decorazioni rappresentate da uccellini elaborati a mano, con l'ausilio di una pinza con le estremità dentate.

Gli uccellini vengono disposti sopra il disco, nella zona centrale e fermati con degli stecchini. Si procede dunque con la cottura in forno per 1 ora e qualche minuto a 220°C.

Foto L. Martorella